Festival di Sanremo 2021 #critica #rai1 [#televisione]

Ho appena letto il commento di Aldo Grasso sul Corriere della sera e ho avuto la percezione che fosse un uomo non più in forma in quanto a espressione critica sulla contemporaneità.

Ci sono due aspetti che mi hanno colpito nella sua analisi: la dimensione radiofonica e l’assenza del pubblico. Rispetto a quanto afferma ho fatto due riflessioni personali. La prima: la TV – il piccolo schermo inteso alla vecchia maniera analogica – mi rappresenta ancora?

Secondo me no, e lo dico sulla base della mia esperienza di consumo legata alla velocità. E’ cambiata la mia relazione coi mezzi di comunicazione, molto più smart, molto più efficaci in termini di interessi senza stare a sorbire quello che non voglio gustare. Il mio occhio non vede, e può oscurare, e la mia mente agisce molto più velocemente con lo scorrere delle stories attraverso un ditino. Il telecomando è diventato un oggetto che non uso quasi mai, di cui ho perso la pratica. Non è uno strumento che mantengo con piacere, non è touch e dinamico come lo schermo di un pc, tablet o un semplice smartphone.

La seconda riflessione:
il vero dramma del Festival di Sanremo di quest’anno – almeno nella sua prima puntata – è stato di assistere a uno spettacolo che falliva da ogni parte, faceva proprio acqua, come se la TV avesse perso la bussola originaria davanti a qualcosa che è sempre stato in suo possesso: la audience.

Quella stessa audience che oggi è racchiusa per ognuno di noi in un gruppo di follower. Il punto è che il pubblico era presente virtualmente, ma è il mezzo televisivo che non ha retto il cambiamento. Questo è lo  scarto  epocale.

Molti degli artisti giovani che ho visto si sono presentati con un rapporto sbilanciato di immagine, la loro voce non c’era, mancava di rabbia, e quando compariva, non aveva una storia da raccontare.
Sono in perfetta coerenza con quello che racconta il nostro tempo: fuori luogo e senza identità perché tutti uguali.

Mi spiego meglio: quando è arrivata Loredana Bertè abbiamo avuto tutti la percezione di avere voce e corpo in una stessa persona. Un personaggio coerente con la sua dimensione costruita negli anni su quello stesso palco, nei canali Tv, sugli stage dal vivo, in processi storici che hanno messo al centro un mezzo che prima era davvero la fonte più consumata dal pubblico.

Oggi vale ancora questa condizione?
Secondo me no. A questo punto il segnale più forte era quello di azzeramento. Il Festival di Sanremo che non c’è, quella stessa voce non c’è, perché non c’è più quel pubblico.

La scenografia spaziale che mangia il nulla è la dimostrazione di come quel potere non ha più valore sui di noi che abbiamo preso possesso di quei linguaggi.

Gli unici a vincere sono gli sponsor, ma questo è un altro argomento con altre strategie.

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:
Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com | www.atbricolageblog.com

Seguimi su: Twitter  http://www.twitter.com/atbricolageblog |  https://www.instagram.com/atbricolageblog/  Instagram

Per richieste: atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/  

 

8 commenti

  1. smilepie

    Il pubblico di Rai 1 è over 60 o il Festival nelle vesti del suo direttore artistico chiamava certi cantanti che vivono solo qnd c’è il Festival o come ha fatto ha cambiato target strizzando occhio ai piu giovani.
    Il risultato è che i giovani cantanti non sanno cantare stonano al massimo sono miracolati dal web.
    Assenza del pubblico x me non è il problema, il problema è la scrittura vecchia dei testi, delle gag, roba che andava bene 20 annj fa forse, battute da uomini vecchi ( tutti uomini fissi x 5 serate, inamovibili ) x un pubblico vecchio nn d’età, ma di mentalità.

    Piace a 1 persona

      1. smilepie

        Non li ho letti, assenza del pubblico x me non è il problema il problema è quello che fanno i 2 conduttori e quello che dicono ma vogliamo poi parlare della scelta di chiamare ibrahimović x 5 serate.. o Lauro promosso da cantate a ospite anche lui 5 serate.. loro tutti inamovibili le donne invece intercambiabili come ho scritto nel mio ultimo post.. nb. Le canzoni sono tutte orrende mi avanza di giudicare i look 😉

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...