dopo warhol. il pop, il post moderno, l'estetica diffusa - donzelli, 2017 - ph. Amalia Temperini

Dopo Warhol – Andrea Mecacci #arte #libri

In questo momento sto tornando a letture molto indirizzate, poco accessibili a chi è fuori dal sistema artistico, ma credo sia utile parlarne proprio per questo. È, per me, una motivazione in più per spronare la lettura verso la conoscenza di altri mondi, quelli che ci accolgono in questa contemporaneità, con una osservazione sul presente.

Ho acquistato il piccolo volume di Andrea Mecacci alcuni anni fa, a quel tempo ero ancora guida d’arte e non so perché ho smesso di affrontarlo di sana pianta. Dopo Andy Warhol. Il pop, il post-moderno e l’estetica diffusa (Donzelli, 2017) è un saggio strutturato su tre capitoli. La parte più interessante rimane la prima, quella dove si dibatte sul valore di Andy Warhol nei campi artistici, cosa lo accomuna a Marcel Duchamp, cosa lo rende unico tanto che si avanza l’ipotesi che la sua unica erede mediatica – in termini di esposizione narcisistica – sia la cantante Madonna.

Il dato necessario è l’idea di come l’intero apparato artistico sia collegato al sistema moda. Opera/strumento, make-up, icona. Trappola reale / virtuale che ha portato all’incremento del kitsch e una concezione di estetica che può definirsi a tutti gli effetti diffusa dopo aver vissuto le fasi postmoderniste arrivate fino ai nostri giorni. In certi passaggi ho avuto difficoltà ad accettare la sua analisi, poiché basata su giudizi pesantissimi.

Questo approccio di indagine, che io non condivido, perché lontana dagli studi di estetica, sprona e rafforza il desiderio di sondare altri campi. Ad esempio, sceglie di citare spesso Jean Baudrillard, che ha fatto della sua ricerca su Warhol una minuziosa e spietata critica in termini sociologici. Si tratta di un autore che io adoro, punto di riferimento critico e diretto, per chi vuole compiere strutturate e valide osservazioni sui fenomeni collegati alle arti. In altri, apre a quegli studiosi che ho sempre tralasciato, ma che ho acquistato in tutta velocità, cioè persone che dedicano tempo alla analisi filosofica, sempre dei campi artistici, come Yves Michaud.

Quando leggo, non tutto è utile, ma molto spesso è un ponte.
Io credo ai passaggi.

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com | www.atbricolageblog.com

Seguimi su:

Twitter | http://www.twitter.com/atbricolageblog |https://www.instagram.com/atbricolageblog/ | Instagram

Per richieste: atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...