Vita 2.0: atto nullo.

Avrei da scrivere di alcuni libri letti, ma non ce la faccio a recensire. Ho come un blocco che non permette alle mie idee di essere giuste per venir fuori. È un periodo di forte transizione dove ogni passaggio è segnato da ulteriori problemi più o meno inutili, che non alimentano la propensione a fare. Ho molta fiducia nel futuro e nella mia forza di reazione. Adesso è un po’ dura procedere. Quando ci si apre con una persona sul proprio essere e si interrompono le questioni per tutelarsi, occorre il doppio del tempo per riprendere la giusta via, poiché tutto sembra poterti umiliare o farti vergognare della volontà del gesto compiuto. Ho subito degli atti ingiusti di scorrettezza. Questo mi rende inerme e fa pensare che ogni situazione vissuta con fiducia possa tornarmi contro e di segno inverso. Magari è solo una condizione di amarezza. Passerà, anche se mi sento davvero stanca.

Robert Fripp – The Cathedral of Tears: https://youtu.be/su_puw6KLMM

2 pensieri su “Vita 2.0: atto nullo.

  1. In questi casi nel limite del possibile bisogna cercare di prendersi tutto il tempo per ‘rimettersi in sesto’… personalmente consiglierei lunghe passeggiate o un po’ di corsa, o comunque di tempo trascorso ‘all’esterno’, lasciando perdere tutto il superfluo, blog incluso… Un abbraccio.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...