After the earthquake [#LIFE]

Sono uscita alle 5.44 per camminare, decisa per vedere l’alba dopo le diverse scosse avute stanotte in Abruzzo.

Di nuovo, nel cuore della notte, più consapevole di prima che tutto possa passare velocemente, il cuore è volato verso le persone più importanti. Mi sono resa conto di quanto la mia casa e le sue mura siano forti. Il resto è superficialità.

La mia gratitudine alla vita è stata consegnata al cammino, alle decisioni. Il luogo dove mi sono recata è a circa 2 km da casa, era ancora buio mentre salivo e da quel punto vedevo mare e montagna. Luce e ombra. Sono stata assieme al cane dove un uomo diversi anni fa si è tolto la vita perché non accettava di essere malato. Ho capito che occorre coraggio, per guardare in faccia e a pieno petto la realtà, la volontà  e il proprio spirito.

Ho capito che voglio guardare sempre al mare: sono stanca di muri e pareti da scavalcare; meglio l’orizzonte libero di chi sa attendere l’anticipo del sole, che la fossa cupa di una vallata tra le montagne dove penetra solo ghiaccio che si cristallizza sulla propria bara.

Un terremoto ha scombussolato dal 2009 a oggi, l’altro, dopo sette anni, ha ristabilito il centro.

Addio vecchia vita.
Via inutilità, via nullità.

Le foto che ho scattato sono tutte in movimento, lasciate sfocate poiché figlie dell’urgenza.
Se ci sono errori di digitazione, li lascio, poco m’interessa.

6 pensieri su “After the earthquake [#LIFE]

  1. Nel tuo post ritrovo in parte una certa mia situazione attuale, in cui sto cercando di liberarmi di ‘pesi’, più o meno autoimposti, vincoli, legami… Sempre più spesso mi trovo a pensare come stia bene solo quando sono fuori di casa… non dico che aspirare alla ‘vita da vagabondo’, ma il confronto tra la tanta futilità dei ‘riempitivi’ della vita casalinga al semplice camminare, o stare sdraiato su un prato, è per me sempre più impietoso…

    Liked by 1 persona

  2. Bellissimo post sulla forza della vita. Grazie. Per quello che puó contare, il mio pensiero é vicino a tutte le persone colpite da questa tragedia. Io abito in Emilia, nella zona dove nel 2012 c’é stato il terremoto. Capisco cosa significa svegliarsi nel cuore della notte con la terra che trema…..

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...