Chiara Ferragni è solo una scusa [#riflessione critica]

Da quando è accaduto che Chiara Ferragni sia andata a Firenze agli Uffizi leggo notizie più o meno utili sull’argomento.

Chiara Ferragni è un esempio di come una forma di lavoro può essere innovata e sviluppata partendo da se stessi e dalle proprie capacità e attraverso queste soluzioni ottenere risultati concreti in tutto il mondo, nel web come nella realtà.

Ci sono state due osservazioni che mi hanno interessato. Il punto di vista del professore Pierluigi Sacco su Facebook e quello di Christian Caliandro su Artribune.

Caliardo mette in luce un dato utile legato alla mia generazione. Io appartengo alla classe 1981.

Il bello dei nostri anni in giovane età è che tutto diventava stimolo partendo da cose che ci piacevano davvero e che portavano a spostarti, andare in un luogo dopo aver ascoltato un disco, letto una recensione che ci invogliava all’acquisto, alla scelta di quelli che oggi possiamo dire siano stati la rappresentazione, la costruzione e il modellamento del nostro pensiero critico individuale.

Il problema è qui, non nella discussione dei giovani o meno giovani, ma di chi è fuori dal mondo della cultura come fruitore attivo, di colui che non sa scegliere di comprare/fruire in modo consapevole quello che gli interessa davvero.

Il cuore del problema è il fluire di un pensiero critico senza incappare in giudizi e pregiudizi gratuiti da parte di chi dovrebbe occuparsi di cultura (in questo caso).

Quando leggo qualcosa da una influencer (creator) ottengo più informazioni di chi ha compiuto il proprio mestiere scrivendo un articolo o mostrando una foto. Significa che il danno sta nel leggere, nella buona parte dei casi, informazioni inadeguate, insignificanti o poco interessanti che generano nelle persone impotenza, il vincolo di rimanere immobili anche da un acquisto via social.

Quanti comunicati stampa sono rimodellati senza sforzo e piantati nelle riviste come se fosse tutto normale? Intendo dire che l’azione di acquisto può partire dal web, Amazon o altre piattaforme per il libro o un abbonamento su Spotify, ma siamo sicuri che uno storico dell’arte, un musicologo o un sociologo possano riuscire a comunicare bene con un potenziale lettore se usano una lingua lontana dalla realtà e tante volte egoriferita?

La differenza è nella persona, non nel titolo di studio, voglio specificarlo, vista l’aria che tira. Il problema è come questi professionisti, al posto di trasmettere empatia creano distanza in modo schiacciante sui potenziali acquirenti, argomentazioni che portano chi legge a sentirsi impedito e non spronato a reagire.

Parliamo delle mostre.

Quanti giornalisti o commentatori di cultura entrano gratis in un luogo? E perché dovrebbero farlo? Se si tornasse a pagare per la fruizione di una mostra, la figura del critico potrebbe tornare in auge?

Il mio scenario è questo: scelgo di andare in un posto, parlare di ciò che vedo senza la mediazione di nessuno, prendo un biglietto – pago – il fatto di aver acquistato mi permette l’autorevolezza di dire, cioè generare un mio pensiero critico o il miglioramento di un servizio. Giusto?

Perché uno che si occupa di cultura non dovrebbe farlo? Quale è il suo privilegio? Aver scordato di essere esso stesso visitatore? Ecco, vorrei capirlo, qualcuno me lo spieghi.  

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com | www.atbricolageblog.com

Seguimi su: Twitter | http://www.twitter.com/atbricolageblog|https://www.instagram.com/atbricolageblog/ | Instagram

Per richieste: atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/

2 Comments

  1. crimson74

    In effetti resta sempre un po’ il dubbio di fondo se il ‘trattamento’ riservato a critici o giornalisti più o meno importanti influenzi il giudizio: se cercare una buona recensione attraverso inviti alle ‘aperture per gli addetti ai lavori’, magari con contorno di buffet, è una strategia comprensibile, mi chiedo se non possa capitare che il ‘critico x’, offeso per non aver ricevuto un invito, magari parli della mostra con meno entusiasmo; alla fine è una questione che riguarda molto l’onestà di chi scrive nei confronti di chi legge e certo mettersi nei panni del pubblico pagante, magari mescolandosi ad esso e vivendo la medesima esperienza, favorisce l’indipendenza di giudizio.

    Quanto al ruolo degli ‘influencer’ nella comunicazione e nell’invito all’acquisto, (o in questo alla fruizione di luoghi od opere d’arte) certo: il problema riguarda molto gli esperti dei vari settori che evidentemente sbagliano comunicazione, magari non rendendosi conto che chi li legge non è tenuto ad aver studiato storia dell’arte e magari cerca semplicemente dei motivi per ‘incuriosirsi’ ed uscire di casa; sul fronte opposto (ne abbiamo parlato anche su FB), resta il dubbio (che però andrebbe chiarito solo attraverso dati e sondaggi) che il pubblico degli influencer si rechi in determinati luoghi mosso da un semplice intento di imitazione.
    Scusa la lunghezza, ma l’articolo stimola riflessioni. 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi a Bricolage - Appunt'attenti di un'acuta osservatrice Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...