Ratched, netflix, 2020

Ratched – in attesa della seconda stagione #serietv [#recensione]

Che cosa c’entra la Beat Generation con questa serie TV?

Ratched è una donna molto strana. Una ex infermiera di guerra su cui si nascondono mille situazioni, si radica un sentimento nascosto sul suo passato.

Siamo una clinica psichiatrica dove il dottor Hanover cerca di formulare degli studi avanzati su una ricerca dedicata alla terapia della mente. Le sue sperimentazioni sono azzardate, non autorizzate molte mirano a ottenere fondi dalla politica, da un futuro governatore disposto a ogni cosa pur di vincere le elezioni.

Un ragazzo uccide 7 preti, li massacra. Sulla sua testa pende la pena di morte. È una delle piste. Miltred Rached è disposta a entrare in questo meccanismo. Quale è il motivo? Cosa la spinge?

I protagonisti sono diversi, s’intrecciano tra loro in un immaginario che riporta a mille film famosissimi, tra cui rientrano alcune scene cruciali del Silenzio degli innocenti.

I temi che rendono attuali questa serie sono le ingiustizie subite nei centri di igiene mentale, in modo particolare la crocifissione subita dalle ragazze omosessuali per sedare le proprie inclinazioni saffiche.

Il resto è un thriller psicologico e drammatico, trae spunto da un’opera di Ken Kesey scrittore ed esponente di punta della controcultura americana rispondente della Beat Generation e autore dell’opera Qualcuno volò sul nido del cuculo, libro trasposto in un film dal regista Milos Forman negli anni 70.


Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com | www.atbricolageblog.com

Seguimi su: Twitter  | http://www.twitter.com/atbricolagebloghttps://www.instagram.com/atbricolageblog/ | Instagram

Per richieste: atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/

6 Comments

      1. wwayne

        Anche i tuoi passaggi nel mio blog sono sempre molto graditi. Anche perché hai cominciato a commentare i miei post quando ancora non mi leggeva quasi nessuno, e non lo dimentico mai. Ti ringrazio anche di questo.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...