Ruggine – Daniele Gaglianone

Ho visto il film in una notte senza troppi rumori e con la voglia di capire cosa tanto aveva attirato la critica e i miei amici.

Nella sua parte iniziale non ho avuto slanci particolari; capire cosa fosse accaduto e quali erano i protagonisti mi lasciava indifferente. Mi sono limitata a collegare alcune scene a registi italiani che avevano girato situazioni appararentemente simili, in pellicole passate (Daniele Buchetti, La scuola; Gabriele Salvatores, Io non ho paura, ecc.), con un po’ d’ilarità e stupidità.

Valeria Solarino, Valerio Mastrandrea, Stefano Accorsi e Filippo Timi sono i protagonisti del lavoro di Daniele Gaglianone uscito nel 2011 e intitolato “Ruggine”.

Il potere alla mia curiosità è stato innescato proprio dal personaggio di Timi – un medico filo-nazista torbido -, che dissemina paura in una comunità di ragazzini, spaventati dalle atrocità di alcuni delitti inspiegabili,  che troveranno soluzione proprio nel loro castello fatto di rottami.

La regia è costruita attraverso due scarti temporali: passato e presente – quello che si era; ciò che si è diventati oggi, dopo aver vissuto determinate esperienze.

La cosa che ha permesso di intrecciarmi alle evoluzioni delle loro vite è stata la scelta di inserire come inquadrature basilari la ricerca delle loro spalle. Osservare una persona in questa posizione – spulciandone la segretezza dei ricordi – suscita allo spettatore una forte aderenza con l’intera ripresa, con il suo conseguente montaggio, ma soprattutto la comprensione delle dinamiche psicologiche adottate da autori e sceneggiatori.

Non è un’opera leggera, già il titolo – Ruggine – lascia capire quanto sia corrosiva e grave la storia. Essa acquista valore aggiunto solo nella sua seconda parte.
Molte delle frasi si ripetono in più parti della visione, come un’eco indissolubile per le loro vite e come monito da lasciare ai propri figli.

Lo consiglio; aggiungendo che è tratto dal romanzo omonimo di Stefano Massaron (Ruggine, Einaudi, 2005) e ha una colonna sonora di Vasco Brondi, leader del gruppo ferrarese Le luci della centrale elettrica.

La frase:

“Chiu scuro di mezzanotte non può fari”

Teaser:

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...