Reality di Matteo Garrone

Pubblico prevalentemente femminile al cinema per vedere Reality, il nuovo film di Matteo Garrone, uscito venerdì scorso nelle sale.

Strano. L’aggettivo qualificativo positivo che mi sento di usare per definire la sensazione che ho provato nell’osservare la pellicola.

Fabulatorio, onirico, teatrale, mi ha portato in una dimensione straniante, grazie a una colonna sonora da urlo, talmente indicativa, da far rimanere incatenati alla poltrona, fin dai primi minuti, i pochi spettatori presenti.

Federico Fellini, Vittorio De Sica, Eduardo De Filippo affioravano nei miei pensieri osservando una Napoli strepitosa, barocca ed escheriana; restituita da un gioco di luci in notturna che elevava al top il suo splendore, e con una cura massima della fotografia che spogliava gli ambienti da quell’alone di sudiciume camorristico, restituendole una grandezza spirituale e architettonica che le è sempre appartenuta.

Le immagini della contemporaneità si coniugano con le opere di Martin Parr, gli scritti di Marc Augé e Bauman.

Non è un documentario, ma un film di fiction concentrato sulla massificazione. E’ un’analisi sprezzante di un paese che ha perso l’identità e il colore, rimanendo incantato dall’inutilità.

Ho avuto l’impressione che molte delle riprese fossero fatte con camera a mano, vista la traballante precarietà delle immagini.
Il dubbio (o la curiosità)  più grande che ho, è di una inquadratura fatta durante i provini per le selezioni del Grande Fratello a Roma. Garrone fa una carrellata sui partecipati spostando lentamente la camera verso l’ingresso e la scritta Cinecittà. Dove voleva guidarci, e in quale realtà?

Frase (inutile e ossessiva):
“Never give up”

Trailer:

5 pensieri su “Reality di Matteo Garrone

  1. Quando sono andata a vederlo al cinema eravamo in tre in sala, perciò temo che l’Italia non l’abbia apprezzato per niente e forse nemmeno capito. Sicuramente è un film difficile, che parla della massa ma non alla massa e secondo me questa è la sua debolezza. E poi è così amaro e deprimente che almeno io tendo a rimuoverlo. L’ho visto due settimane fa e se non avessi letto il tuo articolo non me ne sarei neanche ricordata. A mio parere impressiona finchè si è nel cinema ma non lascia niente, oltre ad un sentimento di amarezza.

    Mi piace

  2. Grazie mille. Di certo la situazione che si sta manifestando in quel luogo, ora è davvero aberrante che coloro che ci hanno lavorato e creduto.
    Speriamo si sblocchi questa situazione, e che quel posto, o altri dediti al cinema, riescano a trovare nuova linfa vitale altrove.

    Mi piace

  3. Bel post.
    La scritta di Cinecittà suona come inquietante, non esiste più. Non esisteva già più quando, tutti in fila, andavano come a morire, coloro che andavano per i provini del grande fratello, o ad occupare l’uscita dalla “casa” per vedere e acclamare il Nessuno di turno che passava. Come dire, ce la posso fare anche io!

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...