Margherita Dolcevita – Stefano Benni

In crash da sistema, per via delle ultime giornate di studio, con una media di ore paragonabile a turni industriali di lavoro, ho deciso di terminare la lettura di Margherita Dolcevita di Stefano Benni.

Ho comprato questo libro diverse settimane fa, la sera in cui andai al cinema a vedere La migliore offerta di Giuseppe Tornare.  Era in sconto del 25%, e non avevo mai acquistato un volume di questo scrittore poiché infastidita da quel suo odioso ciuffo baldanzoso e capriccioso.

Ho scoperto invece piacermi molto: per stile, ironia e semplicità nella composizione di frasi di una morbidezza, così ampia, da poterci saltellare sopra con i propri pensieri.

Margherita Dolcevita è una ragazzina di quattordici anni che ha una famiglia composta di due fratelli, un padre e una madre sgangherati. Lei è un po’ cicciottina, malata di cuore, e scrive poesie brutte, poiché tutti ne creano di belle.
Le sue figure di riferimento sono un nonno – che sogna di ballare tango ogni venerdì con una presunta spasimante immaginaria che va a trovarlo in casa, in soffitta (dove lui ha la sua stanza), e un cane acciambellato, pigro ma guardingo – che ama prendere piccoli spiragli di sole – di nome Pisolo.

A cambiare le sorti dello scenario arrivano i nuovi vicini di casa: un nucleo di persone postmoderno e fagocitatore d’innovazioni, sempre all’avanguardia, al passo con i tempi e i cambiamenti, che vive in un mondo nascosto e troppo complesso per la protagonista.

Ho riso di gusto su molte pagine per gli accadimenti e le stramberie di tutti i personaggi, e capito che in fondo non è una storia sciocca, ma qualcosa che nasconde, dietro un’attenta complessità compositiva, dei meccanismi che portano alla modifica del proprio punto di vista, in una maniera radicale, andando avanti, piano piano, con la lettura.

E’ un romanzo di formazione che si chiude in maniera esemplare, lasciandoci stupiti e avvolti in un alone di nostalgia.

Personalmente Benni è stata una scoperta che contribuirò a incrementare, augurandomi che questo piccolo contributo possa arricchire e incuriosire anche voi.

E’ brutto non fidarsi alla mia età. Ti resta dentro per sempre.”

9 pensieri su “Margherita Dolcevita – Stefano Benni

  1. E’ buffo, perché tu ‘scopri’ Benni proprio nel momento in cui io ho cominciato ad averne abbastanza… 😉 Di lui ho letto praticamente tutti i romanzi, fino al penultimo, “Pane e tempesta”: personalmente ti consiglio i primi, Terra (uno spassosissimo romanzo di fantascienza con un che alla Gianni Rodari), Comici, spaventati guerrieri, La compagnia dei celestini, Baol…. L’elenco potrebbe proseguire; di Margherita Dolcevita ho un discreto ricordo, anche se l’impressione è che con quello – e soprattutto col successivo – Benni abbia cominciato un pò a stufare con questa sua fissazione per la campagna, per l’evocazione di un mondo più semplice e più ‘bello’ a prescindere perché non invaso da un progresso visto sempre e comunque come negativo… a un certo punto sono sempre gli stessi concetti, ripetuti con sempre maggiore malanimo contro una ‘modernità’ che per carità non è tutta rose e fiori, ma insomma, vista sempre come il male assoluto, a un certo punto stufa… 😉

    Mi piace

    1. ahhahahahahhaha è vero, ecco perchè ho usato il termine postmoderno.
      Sembrano concetti tanto abusati,vecchi.
      Si legge bene pero’, non è impegnativo. Terro’ conto dei tuoi consigli: grazie!

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...