Merda d’artista, in due.

In totale velocità sono qui a parlarvi di due libri acquistati ad Arte Fiera 2015. Si tratta di volumi che presentano differenti tagli, non hanno nessuna pretesa e raccontano l’arte in maniera pulita e semplice.

Breve storia della Merda d’arista (Skirà, 2014) è curato da Flaminio Gualdoni. Lo studioso spiega minuziosamente la struttura dell’opera, mettendo in evidenza le componenti visive e di provocazione strutturate dall’intelligenza dall’artista Piero Manzoni (1933 – 1963). Lo fa nella maniera più utile rivolgendosi a chi ama questi settori, poiché scende nei dettagli narrando questioni legislative sollevate attorno ai dibatti dell’arte contemporanea dei primi anni ’60. L’opera Merda d’artista è datata 1961. E’ uno dei capisaldi dell’arte contemporanea italiana, composta da colui che, assieme ad altri, proprio in quel periodo, ha contribuito a un cambiamento di scenario linguistico avvenuto nelle arti dopo la seconda guerra mondiale. Piero Manzoni ha creato un mito assoluto su un oggetto semplice, come quello di una scatoletta di comune utilizzo, donandolo di un potere artistico derivante da azioni d’impianto dadaista e concettuale (prendendo con le pinze questi due termini finali usati al di fuori di un discorso prettamente accademico).
Il segreto dell’azione compiuta è nella ironia di aver saputo eseguire una comunicazione netta da permettere a un solo oggetto di essere opera d’arte il cui valore è nella produzione di una firma e nel contenuto dichiarato e non verificato al suo interno. Un unico pensiero e un unico approccio. Scegliere tra venerazione o distruzione. In sostanza, un cortocircuito di idee e connessioni talmente immediato da non saperlo gestire nella sua forma, che ne crea o ne annienta il valore, secondo il gesto che si decide di attuare. L’autore (Manzoni) ci permette di capire che la risposta è nel dubbio, non nella spiegazione dettagliata o nella ricerca di motivazioni dell’atto.

merda

Piero Manzoni di Fausto Gilberti (Corraini Edizioni, 2015) ha lo stesso impianto del precedente descritto, cioè racconta la storia di un successo artistico, ma le sue intenzioni hanno un impianto educativo il cui segreto è della diffusione della conoscenza. Giliberti sembra non arrivare a spiegare lo spessore scientifico di cui – a volte – si è costretti a nutrirci affinché tutti siano al pari della competenza attraverso il tecnicismo, piuttosto, egli rende accessibile la comprensione di un’opera rivoluzionaria del panorama artistico mondiale in tutta creatività.
La tecnica è il fumetto, affiancato da testi brevi di facile consultazione in italiano e in inglese.

Dello stesso autore e casa editrice ho anche in possesso L’orco che mangiava i bambini (2014), una fiaba non fiaba adatta a tutte le età.

Gilberti
Buona lettura!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...