La signora nel furgone – Alan Bennett

L’offerta di cinema alternativo ieri sera era riservata a Reality, il film di Matteo Garrone uscito nei mesi scorsi, di cui vi ho parlato già (clicca).

Così, intorpidita dal calore del camino, ho deciso di spegnere le luci alte attorno a me, accendere quelle piccole e farmi una tisana calda alla liquirizia e camomilla per dedicarmi a un nuovo libro.

Anche in questo caso si tratta di uno scrittore recensito poche settimane fa (clicca).

Alan Bennett è un autore inglese che pubblica nel 1989 un mini racconto di ottantanove pagine per Adelphi, intitolato La signora nel furgone.

Sebbene chi lo avesse letto mi ha dato qualche indizio e giudizio, ho voluto constatare con i miei occhi la veridicità di queste affermazioni.

E’ triste: è innegabile. E’ la storia di un’anziana signora ospitata dallo stesso autore sotto casa sua; è una barbona di cui nessuno conosce la vita; disturbata da tutti; che vive all’interno di uno spazio ristretto, senza ottenere nessun sussidio dallo stato, in totale miseria. L’autore, non rilevando inizialmente che fosse lui stesso il narratore, ci fa conoscere la protagonista dalla sua finestra attraverso una sorta di diario che reca date, cose fatte e situazioni che hanno dello squallido per chi ha la fortuna di avere tutto.

La scrittura è teatrale, e sono ancora convinta che se lo avessi letto o visto rappresentato in lingua originale, sarei morta dal ridere.

In italiano perde la forza del suo humour. Immaginate una donna cattolicissima che ha battute sferzanti verso chi le rivolge la parola, che non si abbatte mai, al costo di apparire pazza.

Il quadro finale mostra chi sia lei realmente, ma ci si diverte nello scoprirla così com’è, proprio per questo.

Consigliato; non impegnativo, di lettura e scrittura semplice.

https://i0.wp.com/www.ebookizzati.com/images/products/big/ed-big-120407001759357.jpg

20 risposte a “La signora nel furgone – Alan Bennett”

  1. […] Così anche questa settimana mi sono ritrovata ad ascoltare un audiolibro. Si tratta di uno scrittore che ho già letto un paio di volte e di cui scordo prontamente i suoi libri nel giro del breve periodo.  Lui è Alan Bennett, autore e sceneggiatore britannico conosciuto per la sua satira e questo blog ne ha parlato alcuni anni fa nelle recensioni di Nudi e Crudi e de La signora col furgone. […]

    "Mi piace"

  2. Sei pericolosa te…

    "Mi piace"

    1. da che punto di vista?

      "Mi piace"

      1. Nel senso che potrei perdere anche la testa per te

        "Mi piace"

      2. HAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHA

        guarda, è meglio se ci facciamo due risate, è piu’ salutare per entrambi! 😉

        "Mi piace"

      1. ^^ spero di non aver fatto un macello con sti premi, non ero sicurissima del procedimento -__-

        "Mi piace"

      2. ahhahaahahahah non so, io non m’imbarco nelle premiazioni altrimenti non ne uscirei viva.
        Ne ho troppi che preferisco, e su cui intervengo.
        sarebbe da spreco non citarvi tutti!

        "Mi piace"

      3. Bé sì se dovesse diventare una roba infinita sarebbe un lavoro, vero.

        "Mi piace"

  3. A me ha fatto ridere lo stesso; dello stesso autore, consiglio anche Nudi e crudi e La cerimonia del massaggio; anche La sovrana lettrice (che però non ho letto), mi risulta sia lettura molto divertente…

    "Mi piace"

    1. certo di nudi e crudi ho scritto qui: https://amaliatemperini.wordpress.com/2012/11/15/nudi-e-crudi-alan-bennett/

      Anche io ho riso tanto, però oggettivamente la storia è tristissima!

      "Mi piace"

  4. Troppo triste per questo periodo, ma bella la tua recensione!

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: