La sovrana lettrice – Alan Bennett #audiolibro #libri [#recensione]

attualità, audiolibro, costume, cultura, giovedì, leggere, libri, musica, rumors, società

Così anche questa settimana mi sono ritrovata ad ascoltare un audiolibro. Si tratta di uno scrittore che ho già letto un paio di volte e di cui scordo prontamente i suoi libri nel giro del breve periodo.  Lui è Alan Bennett, autore e sceneggiatore britannico conosciuto per la sua satira e questo blog ne ha parlato alcuni anni fa nelle recensioni di Nudi e Crudi e de La signora col furgone.

La sovrana lettrice è una ascolto di circa 3 ore, molto leggero e abbastanza contemporaneo; ha come protagonista la regina Elisabetta II d’Inghilterra in questa occasione interpretata da Paola Cortellesi che presta la sua voce di attrice per Emons Edizioni.

copertina_alan_bennet

La regina è la protagonista, la servitù non la riconosce più; la nuova passione per la letteratura accade per caso grazie a uno sguattero che si ritrova a essere d’improvviso il suo servitore di fiducia. Lui è un ragazzo di poche pretese, abbastanza unico nel suo genere, affannato cultore di scrittori gay.

La regina si rende conto che la sua vita è passata tra estenuanti viaggi e l’esercizio delle funzioni, mai dedicata a una vera riflessione su se stessa, mai a una scelta che concentrata sui suoi tempi e alle sue reali necessità. Inizia così a conoscere molti autori che aveva incontrato dal vivo e si rende che è meglio entrare solo a contatto coi loro libri.

Quello che esce fuori da questa esperienza di lettura è l’attenzione che lo scrittore pone nei confronti del movimento. Alan Bennett cerca di far capire, attraverso scene ironiche ed esilaranti, che la lettura è una bolla egoistica che ci sottrae da numerose situazioni.  E a pensarci è vero, nel senso che è un atto intimo, chiuso, dove l’immobilità regna e frena l’azione delle emozioni. A me accade molto spesso: quando qualcosa mi piace davvero quello che senso è contraddittorio: vorrei muovermi ma sono intrappolata. La sovrana lettrice è stato un giusto compromesso: mentre ascoltavo, ho piazzato le cuffiette alle orecchie e sono andata al parco con il cane in queste giornate primaverili di sole intensissimo.

                                                  La sovrana lettrice – Alan Bennett
                                               Adelphi, 2011 | Emons Edizioni, 2017

                                                                 Libro | Audiolibro
https://amzn.to/2TF5LmN |https://amzn.to/2JJbwjl

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com | www.atbricolageblog.com

Seguimi su:
Twitter http://www.twitter.com/atbricolageblog| Instagram https://www.instagram.com/atbricolageblog/

Per richieste:
atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/

Annunci
immagine presa dal sito fieradilonigo.it/

Leatà di Letizia Pezzali #libri #einaudi [#recensione]

amore, attualità, costume, cultura, Donne, giovedì, letteratura, libri, Narcisismo, salute e psicologia, social media, società, spiritualità, tecnologia, vita

Questo libro è adatto a chi ama i romanzi di Teresa Ciabatti ed Elisabetta Bucciarelli. Ci penso da quando ho terminato la lettura nei primi giorni di Aprile. Ho aspettato a parlarne perché volevo capire cosa rimanesse addosso e valutare con giusta distanza le sensazioni che Lealtà di Letizia Pezzali (Einaudi, 2018) mi avesse trasmesso.

É una storia d’amore per palati difficili, chi non ama i sentimentalismi e vuole sondare l’energia del proprio vissuto nel pieno della nostra contemporaneità, centrato su chi è in quel meccanismo di cristallizzazione descritto dell’autrice quando parla di desiderio.

Giulia è una ragazza nata nel 1984 che ha conosciuto Michele ai tempi dell’università; lui è un uomo maturo con il quale ha avuto una relazione molto intima; entrambi sono fedeli a un ricordo da custodire. Si è a Londra nei periodi della Brexit, adesso, quando i social network fungono da cassa di risonanza per le proprie ossessioni, le mancanze, lo sviluppo di più paranoie che alimentano le insicurezze. Il tempo è regolamentato da uno schema dettato dai ritmi della finanza e da chi si trova castrato nello smarrimento del proprio essere.

Il libro è un flusso di coscienza continuo dove si è immersi nelle riflessioni di una protagonista che fagocita se stessa nella critica al proprio corpo, nella pornografia, nelle riflessioni sul fallimento, sulla maternità, lo stalking, sul vivere una vita da replicante sadica. Esistono dei capitoli in cui viene sottratta la poesia a un titolo di Shakespere per indicizzare il contenuto al movimento dei mercati. Si connette tutto a una adolescenza inespressa, rimasta incastonata nelle vicissitudini di chi ha scelto di rinunciare alla verità per trovare degli escamotage e sabotare la propria esistenza.

Tutto è sorretto da un mistero che porta il lettore a divorare pagina per pagina la ragione per cui Michele ha dato le dimissioni dal suo posto di lavoro in un intreccio che coinvolge il capo di Giulia: Seamus. Un uomo geniale, manipolatore perverso, custode di saggezza e segreti taciuti, sorretti da una catena continua di perbenismo.

Il citazionismo è un argomento contraddittorio che torna ciclico e sotto varie forme; dimostra come la scissione tra imitazione e riflessione siano pilastri che guidano gli esseri umani nella scelta, a saper discernere per costruirsi una coscienza seguendo le fila della propria indole. In soccorso arriva la letteratura attraversata dalla voce narrante (La paga del sabato di Beppe Fenoglio, Anna Karenina di Lev Tolstoj) che combatte contro quelle frasi estrapolate come massime venute fuori dai diari delle medie di ragazzini intrappolati nella rete degli anni ’80.

Arriva la comprensione, il tipo di straniamento e la sottomissione che si vive nella realtà di chi non è qui in Italia e che è ben descritta dalla scrittrice. Si tratta di una alterazione che fa da contesto rispetto all’origine, al paese di provenienza, che è restituito come chi davvero conosce quel tipo di sentire. Allora quando Giulia mente al suo superiore e rientra a Milano per cercare di affrontare il suo passatodopo la morte della madre, la musica aiuta a spingere e a radicalizzare l’intero contenuto per aprire a un tentativo di processo che porta a un costante travaglio.

Il libro prende in considerazione molti elementi nel mondo dell’arte, ma estrapola il suo movimento da un brano scritto da Erik Satie nel 1893. Vessazione è una sequenza musicale che non trova mai fine. È un tentativo di esplorazione di sogni, rimpianti, melanconia, malinconia, di maltrattamenti continui e oppressivi su se stessi. È un fenomeno esclusivo di un amore terminato bruscamente che cerca di sondare l’impossibile e l’inespresso del possesso insito nel desiderio come una banca che usurpa le risorse dei suoi clienti con forti pressioni fiscali.

La copertina è un papavero le cui sfumature cromatiche sono state alterate nel suo sistema di tonalità. Un fiore del ricordo che potrebbe asserire a molti significati, tra cui quello di chi è caduto e ha mutilato il proprio essere in guerra, per una nazione e la sua economia.

Forse quando si sceglie di amare una persona lontana ci si sente così? Si è costretti a viverne la distanza e la condizione che si trattiene è la stessa di chi sceglie di sottrarre colore per vedere uno scheletro scarnito di un fiore come fosse brillante al pari dell’originale? Tu che idea hai?

È libro è candidato al Premio Strega 2018.

Acquistalo su Amazon:
Lealtà di Letizia Pezzali (Einaudi, 2018)
https://amzn.to/2jcYRoQ

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com
www.atbricolageblog.com

Seguimi su Twitter!

@atbricolageblog

Per richieste commerciali/proposte di lavoro:
atbricolageblog@gmail.com

Lavoretti aka #gigeconomy. Prospettive? (pt.1) #economia #lavoro [#attualità]

attualità, comunicazione, cultura, giovedì, lavoro, libri, marketing, politica, pubblicità, quotidiani, social media, vita

Presa Diretta di alcuni sabati fa parlava di Gig Economy, una frontiera di lavoro collegata alle innovazioni che sta emergendo negli ultimi anni in tutto il mondo (Lavoratori alla Spina). Il termine è sconosciuto e gli articoli trovati online sono pochi (La Stampa, L’Internazionale, Forbes, Harvard Business Review, Rasmussen Collage, Il Sole 24 Ore).

L’obiettivo è costruire la propria autonomia come risorsa per essere indipendenti. Si conta la passione, la formazione, a casa o fuori, attraverso le tecnologie e si mette a disposizione la propria preparazione con prestazioni che offrono il massimo di sé.

Tra i problemi evidenziati nel nostro paese, su questi approcci, esiste il tema di aziende che esercitano poteri forti sui propri dipendenti; l’incapacità di considerare questa attività come un impiego vero e proprio; le umiliazioni cui si è sottoposti nell’accettare o ritrovarsi obbligati a condividere determinate condizioni di collaborazione, anche in caso di morte.

La Gig Economy è racchiusa nella categoria dei lavoretti. Una modalità di etichettatura sfruttata da molti politici durante l’ultima campagna elettorale. I risultati delle elezioni hanno visto l’alta presenza di una cittadinanza interessata alla partecipazione. Gli esiti, piacevoli o meno, hanno dimostrato che le persone ci sono e scelgono, mentre le sinistre scompaiono e falliscono. Chi potrà garantire i servizi minimi anche a chi decide di provare un lavoro autonomo di nuova frontiera?

In Inghilterra Uber è stata sottoposta a una feroce battaglia sociale con l’ottenimento di una sentenza storica a favore dei driver per le retribuzioni troppo basse. Una situazione vittoriosa che ha chiesto di verificare il modello di business all’azienda californiana. A Milano, alcuni mesi fa, si è dibattuto coi dirigenti della CGIL sulla questione della gig economy in epoca di digitalizzazione. La paura è riuscire a trovare strumenti idonei per governare l’innovazione e ridurre la frammentazione sociale per evitare speculazioni di ogni tipo (Camusso: «Contrattare il lavoro di domani»).

In questo momento il conflitto aperto in Italia è tra Job Act (PD), la sua abolizione, la Flat Tax (La Lega) il Reddito di cittadinanza (M5S), assieme alle consultazioni per le nomine di governo.

Nel frattempo Internet è molte cose, ma soprattutto è forza lavoro che si estende senza limiti. I soggetti coinvolti sono valutati dal pubblico in base alla propria performance. Le persone sono costrette a tenere un ritmo serrato per avere un rating (un giudizio) alto e ottenere una determinata visibilità per guadagnare di più. Il capitalismo sfrenato porta i fruitori all’accanimento e con il loro potere stabiliscono la misura dei servizi avuti in cambio con commenti e applicazioni. Si deduce, allora, che lo scontro avviene tra fasce di venditori e di acquirenti posti allo stesso livello mentre i produttori osservano lo show per studiare strategie sempre più avanzate e raffinate. Le alternative, i giochi di ingegno, oggi, offrono la possibilità di reinventare una pluralità di attività e renderle ideali nella massima serietà e lo scotto da pagare è la sopraffazione da parte di chi controlla il mercato del lavoro.

La nostra narrazione del reale, si svolge nella contemporaneità ed è costituita da esseri umani vivi che si sfiorano ancora, ma in certi momenti sembra di essere nelle opere letterarie dilanianti di Honoré De Balzac e Italo Svevo di fine Ottocento e inizio Novecento, con la differenza che la rivoluzione industriale questa volta si manifesta nella immaterialità e nell’uso di criptovalute.

Intanto in libreria è arrivato Lavoretti di Riccardo Staglianò (Einaudi, 2018). Il titolo è aspro al punto giusto. Io ho bisogno di capire cosa ci attraversa e essere pronta alla conoscenza di un futuro che è qui, fin troppo presente. Avete avuto modo di spulciarlo?

Gli articoli pubblicati in precedenza su questo blog si sforzano di capire come le professioni creative sono fondamentali per il futuro (questo e questo) e cercano di collegare reale e virtuale con aspettative di natura socio-culturale, innovazione ed ecologia attraverso la comprensione delle dinamiche di politica e marketing.

Chi di voi è interessato a questi temi? e da quale punto di vista?

Riccardo Staglianò, Lavoretti, Einaudi, 2018

Riccardo Staglianò, Lavoretti, Einaudi, 2018
http://amzn.to/2G3bw8C

Honoré De Balzac, La Commedia Umana, Mondadori, 2006
http://amzn.to/2pdwAkr

Italo Svevo, Una vita, Garzanti, 2008
http://amzn.to/2peZvVl

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com
www.atbricolageblog.com

Seguimi su Twitter!

@atbricolageblog

Per richieste commerciali/proposte di lavoro:
atbricolageblog@gmail.com

Grant Foster. Popular Insignia, Acappella, Napoli - www.museoapparente.eu

Grant Foster. Popular Insignia – fino al 2 luglio, Acappella Gallery, #Napoli [current #exhibition]

arte, arte contemporanea, artisti, comunicazione, CS, cultura, mostre, turismo, viaggi

Grant Foster.  Popular Insignia*
@Acappella Gallery
Napoli
Fino al 2 luglio

La galleria Acappella è lieta di presentare “Popular Insignia”, prima personale in Italia dell’artista britannico Grant Foster. La mostra include una nuova serie di dipinti e sculture realizzati da Foster per rappresentare la figura dell’eroe tradizionale. Al centro della sua riflessione, troviamo infatti la metafora dell’eroe nell’attuale sistema etico e morale, in un clima politico che nega il pluralismo in cambio di verità dogmatiche e visto come come dittatura di valori assoluti.

Nel lavoro “Ognuno per Sé e Dio Contro Tutti”, una giovane ragazza leziosa è disegnata a carboncino attraverso linee nette, cullata in una geometrica Z. Il motivo della zeta, tratto dal profilo maschile del mento così come in genere viene rappresentato negli eroi dei fumetti, diventa basilare nella pratica artistica di Foster che si riappropria di questo connotato enfatizzandolo e attribuendogli un effetto esoterico ed enigmatico.
A popolare le tele esposte è un cast di personaggi grezzi, accompagnato da un armamentario di oggetti di scena: ali, lingue, stivali e cigni agiscono da idiomi culturali sfidando il concetto stesso di gusto.

È in questa accezione che Foster realizza i suoi nuovi dipinti. Simbolici a livello compositivo e casualmente eseguiti sulla superficie della tela, questi ultimi offrono una sintassi complessa che trae ispirazione dalla cosiddetta anti-arte e dall’estetica populista, come nel caso delle sale giochi delle città di mare inglesi, dove l’artista è cresciuto, miniera di notizie provinciali e negozi di souvenir, per creare una forma di resistenza semi-satirico contro l’omogeneità dell’ortodossia culturale d’Occidente, che per Foster diventa l’incarnazione stessa dell’eroe fittizio. Citando il Période Vache di René Magritte come centrale in questo nuovo corpus di lavori, Foster lavora animato dal desiderio di creare un linguaggio visivo suadente e paradossale, in cui siano radicate sovversione, satira e commento politico.

Grant Foster.
Popular Insignia
@ Acappella, via Cappella Vecchia 8
, Napoli
Fino al 2 luglio 2016
Martedì – Venerdì, ore 17 – 19, Sabato 12 -14
galleriacappella@gmail.com
www.museoapparente.eu
(+39) 339 61 34 112

Note bio

Grant Foster, born 1982, UK, lives and works in London and graduated from The Royal College of Art in 2012. Foster’s recent solo exhibitions include, Salad Days, Ana Cristea Gallery, New York (2015); Holy Island, Chandelier Projects, London (2014); The Walnut Tree, Chinashop, Oxford (2013). Recent group exhibitions include Carnival Glass, Block 336, London (2015), Rx for Viewing w/Jesse Wine, Ana Cristea Gallery, New York (2014) and Bloomberg New Contemporaries, Spike Island, Bristol and ICA, London (2013). Grant Foster was a prizewinner in John Moores 25, Liverpool and will attend The Rome Fellowship in Contemporary Art at The British School of Rome later this year.

 

*Comunicato stampa

‘morning! #music #musica

amore, musica, vita

Stamattina sono intrecciata con questi due brani.
Fuori è freddo, sembra tornato l’inverno, ho mal di testa.
Ho i pensieri che camminano a mille.

 

Sti grancazzi, la vita è bellissima e lo è anche cantare senza microfono a squarciagola

http://norette.spreadshirt.it/

“Doesn’t I hear jerusalem bells are ringig?” #music #singing

musica

Il blog a volte è una stanza fortunata. Ieri pomeriggio sono stata contattata dall’autrice dell’ultimo post che ho scritto, che mi ha ringraziato via twitter, per la recensione appassionata del suo romanzo. E’ stata una bella sorpresa.

Stamattina sono canterina. Da diverso tempo seguo un programma su youtube che invita personaggi famosi del panorama musicale mondiale in carpool e assieme a loro, il conduttore, si diverte come un pazzo. Ho una passione smodata per Chris Martin,  i brani dei Coldplay hanno riempito le situazioni impensabili con molta gioia la mia vita. Non li seguo assiduamente, però sono presenti quando meno me l’aspetto, ed è sempre piacevole constatarli come condizione stabile rassicurante. Sono crollata sul doppio canto baritonale, mi piace troppo, da diversi minuti mando il loop la sequenza che parte dal minuto 6. 36.

Viva, viva, viva!

Poi chi è che non canta così in macchina con gli amici?
Io da una vita e anche in pieno mood stonato!

 


Look Up

tecnologia, vita

Può risultare un po’ retorico o banale, ma lo condivido perché trovo che in certi punti dica grandi verità, soprattutto per chi – come me – non ha visto la propria vita totalmente condizionata da questi mezzi almeno fino ai primi anni del 2000 e ha ancora una visione nostalgica delle cose e cerca di rimanere coi piedi ben fermi nella consapevolezza.

Trovato sul blog della professoressa Giovanna Cosenza, Dis. Ambi. Guando.

La signora nel furgone – Alan Bennett

cultura, leggere, libri

L’offerta di cinema alternativo ieri sera era riservata a Reality, il film di Matteo Garrone uscito nei mesi scorsi, di cui vi ho parlato già (clicca).

Così, intorpidita dal calore del camino, ho deciso di spegnere le luci alte attorno a me, accendere quelle piccole e farmi una tisana calda alla liquirizia e camomilla per dedicarmi a un nuovo libro.

Anche in questo caso si tratta di uno scrittore recensito poche settimane fa (clicca).

Alan Bennett è un autore inglese che pubblica nel 1989 un mini racconto di ottantanove pagine per Adelphi, intitolato La signora nel furgone.

Sebbene chi lo avesse letto mi ha dato qualche indizio e giudizio, ho voluto constatare con i miei occhi la veridicità di queste affermazioni.

E’ triste: è innegabile. E’ la storia di un’anziana signora ospitata dallo stesso autore sotto casa sua; è una barbona di cui nessuno conosce la vita; disturbata da tutti; che vive all’interno di uno spazio ristretto, senza ottenere nessun sussidio dallo stato, in totale miseria. L’autore, non rilevando inizialmente che fosse lui stesso il narratore, ci fa conoscere la protagonista dalla sua finestra attraverso una sorta di diario che reca date, cose fatte e situazioni che hanno dello squallido per chi ha la fortuna di avere tutto.

La scrittura è teatrale, e sono ancora convinta che se lo avessi letto o visto rappresentato in lingua originale, sarei morta dal ridere.

In italiano perde la forza del suo humour. Immaginate una donna cattolicissima che ha battute sferzanti verso chi le rivolge la parola, che non si abbatte mai, al costo di apparire pazza.

Il quadro finale mostra chi sia lei realmente, ma ci si diverte nello scoprirla così com’è, proprio per questo.

Consigliato; non impegnativo, di lettura e scrittura semplice.

https://i0.wp.com/www.ebookizzati.com/images/products/big/ed-big-120407001759357.jpg

Nudi e Crudi – Alan Bennett

leggere

Dopo aver passato una serata casalinga con due miei amici tra pettegolezzi e risate, annoiata da una tv pedante che presenta i soliti scenari ansiolitici e barbarici, decido di porre fine alla lettura che ho intrapreso in questi giorni e che mi è piaciuta molto.

Nudi e Crudi di Alan Bennett è un piccolo volume Adelphi di novantacinque pagine, uscito per la prima volta in Inghilterra nel 1996 e arrivato in Italia nel 2001.
Mi è stato il regalo di una persona cui voglio molto bene, così ne parlo ancora più volentieri.

La storia è abbastanza scorrevole e lineare; narra le gesta di due personaggi particolarissimi: un avvocato pignolo e ossessionato dalle sue piccole cose; una moglie assente e poco stimolata – anche sessualmente – dal marito.

Il nucleo gira attorno a un evento preciso: la scomparsa dei mobili, vestiti, cibi, oggetti e tutto quello che immaginate, dalla propria casa, senza che nessuno abbia visto nulla. La scoperta avviene al rientro del Così fan tutte di Mozart, visto a teatro quella sera – esso sarà il leit motiv che vi guiderà fino all’ultima pagina.

Da quel momento lo scenario assumerà toni kafkiani; il lettore percepirà una visione di smarrimento che appartiene ai protagonisti, arrivando fino all’ultima pagina per scoprire tante piccole manie e silenzi di una vita passata insieme in due.

Il racconto lungo – se così si può definire – essendo di natura anglosassone – suppongo – abbia uno humour marcato nella sua versione originale; nella nostra non è così sferzante,  l’irrealtà si perde un pochino, ma rimane comunque un filo conduttore di fine ironia che può bastare a capire dove l’autore voglia andare a finire.

La nota dissonante è l’ossessiva ciclicità dei cognomi di spicco; Mrs Ransome e Mr Ransome non hanno dei nomi propri di persona; mi chiedo se questo è l’elemento che serve a rafforzare il senso di grottesco e assurdo alla lettura, ovviamente unito a tutte le situazioni intricate che i due anzianotti si trovano a vivere.

Consigliato!

Ps. dello stesso autore ho anche La signora nel furgone, magari ne parlerò prossimamente.
Visto che ho citato Kafka, suggerisco Il processo (Einaudi, 2005) – la versione che possiedo.

Le ceneri di Angela di Frank McCourt

leggere

Romanzo dello scrittore di origine irlandese Frank McCourt, Le Ceneri di Angela, è stato pubblicato nel 1996 e approdato in Italia grazie alla casa editrice Adelphi, l’anno seguente.

Avevo il libro da diversi periodi, mi era stato regalato da due cari amici per il compleanno. Ogni volta cercavo di scorrere qualche frase, ma un certo rifiuto non mi permetteva di andare avanti. Siccome esiste un tempo per tutto, mi sono occupata di altro, e quando è arrivato quello giusto, ho preso coscienza di quanto mi ero sbagliata nel giudicare frettolosamente la sua tristezza.

Si tratta dell’autobiografia romanzata dell’autore, che racconta la sua esistenza in una chiave talmente dignitosa, da uscirne alla fine della lettura sollevati e rafforzati.

E’ un romanzo di formazione e educazione dove il protagonista Frankie nasce da un accoppiamento infelice tra la madre Angela e il padre nord irlandese alcolizzato, con scarsa voglia di lavorare e insufficiente volontà di mandare avanti una famiglia che, nel corso degli anni, sarà decimata da morti su morti. E’anche un testo di riscatto, per una vita vissuta in totale povertà, dopo il ritorno in Irlanda, nella costante ricerca di una casa che superi la definizione dispregiativa di latrina.
Francis è un ragazzino che prende porte in faccia da tutti, è maltrattato e considerato poveraccio per via delle vesti e dei comportamenti che ha. La sua unica salvezza è lo studio, assieme a una forte spiritualità, in un’Irlanda così cattolica, da non riuscire a vedere le reali necessità di chi è povero e ha tutte le carte in regola per ottenere un’esistenza migliore. 

Ci sono pagine in cui è difficile staccarsi, dove leggere di uno schiaffo, significa sentirlo addosso come un graffio. Ce ne sono altre dove l’unica voglia è piangere. Sostenere le lacrime di un protagonista che non ha commesso nessun peccato infernale, ma che è costretto a confessarsi segretamente dopo una sbronza ottenuta la sera prima del compimento dei suoi sedici anni, dopo una vita così difficile, porta il lettore in una sorta di catarsi individuale.

Sebbene il mio pensiero non renda giustizia alla potenza delle parole di McCourt, io consiglio di leggerlo, e magari ottenere assieme a lui, quella forza di ricominciare, dove i propri genitori hanno fallito.

Frack McCourt ha ottenuto il premio Pulitzer nel 1997.

(Clicca qui)