Alessandro Borghi in Sulla mia pelle, Gli ultimi sette giorni di Stefano Cucchi, Alessio Cremonini, 2018 Alessandro Borghi. Sulla mia pelle. Gli ultimi giorni di Stefano Cucchi, Alessio Cremonini, 2018 (ph. Lucky Red)

Sulla mia pelle. Gli ultimi giorni di Stefano Cucchi di Alessio Cremonini #film [#recensione]

Sulla mia Pelle di Alessio Cremonini è un lavoro profondo e composto, davanti al quale con difficoltà si può rimanere indifferenti.

La storia racconta la vicenda che ha attraversato Stefano Cucchi dall’arresto al carcere militare “Sandro Pertini” di Roma nel 2009. Ricostruisce le ore, le umiliazioni e il dolore di una famiglia impossibilitata ad avere contatti con un figlio durante gli ultimi giorni della sua vita.

Alessandro Borghi. Sulla mia pelle. Gli ultimi giorni di Stefano Cucchi, Alessio Cremonini, 2018

È un film coerente coi fatti, non aggiunge e non toglie nulla alle informazioni che si conoscono. Il tema ruota attorno a una delle più brutte vicende di cronaca giudiziaria italiana degli ultimi tempi.

Stefano Cucchi è stato malmenato? I lividi sembrano dirlo, situazione avvenuta durante le ore di detenzione, ma mai nessuno che abbia pagato e parlato nonostante le prove schiaccianti rese pubbliche con alcune foto scattate dai genitori durante la loro prima visita in obitorio.

Alessandro Borghi. Sulla mia pelle. Gli ultimi giorni di Stefano Cucchi, Alessio Cremonini, 2018

Davanti al giudice Cucchi si assume la responsabilità sulla detenzione della droga, ma non ai fini dello spaccio. Tutta la speculazione mediatica, negli anni, ha cercato di depistare e spostare l’attenzione su contenuti lontani dai fatti reali, tacere sul ruolo delle istituzioni, in merito all’accaduto.

Il progetto nella sua interezza non focalizza l’attenzione solo su questa vicenda, ma sulla molteplicità di situazioni che accadono nelle carceri a nostra insaputa. L’uso della voce di Alessandro Borghi (attore protagonista) nel confronto ai fatti reali, ricreati per la narrazione, permette di capire quanto sia alta la sua bravura di interprete. Per certi versi la pellicola riporta a Diaz – Don’t Clean Up This Blood di Daniele Vicari, un altro regista che ha cercato di offrire una immagine su ciò che è accaduto in quella caserma a Genova durante il G8 del 2001, nel 2012.

Tempo fa mi è capitato di ascoltare Ilaria Cucchi nella mia città. La cosa più assurda fu la presenza della Digos all’esterno della libreria.

Cosa si può nascondere dietro la richiesta di una verità?

Sulla mia pelle. Gli ultimi giorni di Stefano Cucchi, Alessio Cremonini, 2018

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com
www.atbricolageblog.com

Seguimi su Twitter

http://www.twitter.com/atbricolageblog
e Instagram
https://www.instagram.com/atbricolageblog/

Per richieste commerciali/proposte di lavoro:
atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie.
Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/

12 pensieri su “Sulla mia pelle. Gli ultimi giorni di Stefano Cucchi di Alessio Cremonini #film [#recensione]

      1. il saper prima la storia in questo caso mi allontana da film perchè troppo forte, violento magari non per quello che si vede ma per quello che è rimasto nei racconti letti o ascoltati.. insomma non si può svicolare pensando.. tanto è un film..

        Piace a 1 persona

  1. Guarda, è un film che ho paura di andare a vedere per non uscire inc***ato nero dal cinema… ho letto parecchio di ciò che è accaduto a Cucchi; violenze a parte, la noncuranza, la sciatteria, l’incuria con cui è stato trattato e in cui è stato lasciato… e sinceramente di vedere tutto questo riproposto al cinema, non sono in vena…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...