AT - Casa - ph. Amalia Temperini

#TV: Alfonso Signorini, intervista, pubblico – riflessione ad alta voce #gfvip [#socialnetwork]

C’è una intervista di Alfonso Signorini su Repubblica che parla del Grande Fratello Vip. Ho scelto di leggerla perché immaginavo di trovare qualcosa di interessante da uno che conduce uno dei programmi più brutti della TV italiana.

Il conduttore dice, in un punto preciso dell’articolo, di come il pubblico abbia sviluppato un senso di identificazione totale con i personaggi in gioco. Quando penso questo, mi riferisco al senso di empatia. Un sistema secondo il quale i concorrenti siano considerati, da chi guarda, come dei veri e propri vicini di casa tanto da spedire numerose e-mail in redazione per un lutto vissuto da una delle personalità in gara.

A me successo un giorno di assistere a un programma della Clerici in attesa del Tg1. La conduttrice riceve la chiamata per un gioco e inizia a parlare con la sua ospite telefonica come se non ci fossero filtri. Ho avuto l’impressione di essere come in quelle mostre dove un artista incontra il più importante dei critici e dopo tre secondi inizia considerarlo l’amico più stretto tanto da iniziare a chiamarlo per nome, con la differenza che quel professionista si è eclissato in un’altra vita spazio-temporale e ha dimenticato dell’esistenza di chi ha incontrato tre secondi prima.

Per me è un dato allarmante, indica un bisogno di riconoscimento al limite del patologico. Volere a tutti i costi che chi guardi sia come te. Proiettare il proprio desiderio tanto da portare in secondo piano chi è il vero protagonista.

Se questo accade in TV, nella vecchia scuola di rispecchiamento sociale, qui sui social, dove la mediazione è diretta, non ha regia e autori, cosa può accadere? Che impatto può avere in chi ne fa un uso irresponsabile? Che gioco malato si crea con personalità non strutturate?

Come al solito mi faccio il problema per gli altri, ma se penso alle piccole personalità narcotiche che hanno bisogno di consenso continuo, mi sale la voglia di dissociarmi dal mondo staccando tutte le prese di ricarica che ho a disposizione a casa. Vado a lavorare va!💥

Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Se vuoi supportare il blog con un caffé:
Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage:

www.amaliatemperini.com | www.atbricolageblog.com

Seguimi su: Twitter  http://www.twitter.com/atbricolageblog |  https://www.instagram.com/atbricolageblog/  Instagram

Per richieste: atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/  

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...