Teresa Ciabatti, sembrava bellezza. #premiostrega [#Riflessione]

Certe volte ci si sente un po’ schiacciati, posizionati nella vita come l’ordine di questi libri in copertina che ho fotografato alle 4 del mattino.

Quando ho letto che Teresa Ciabatti fosse stata esclusa dalla cinquina in lizza al Premio Strega, sono rimasta sconvolta.

Mi sono fermata un attimo a riflettere su come un’autrice così potente – così radicale – potesse essere stata lasciata fuori a un passo da quella che sarà la finale stabilita per il prossimo 8 luglio.

La leggo da anni, ho letto, non tutti i suoi libri. Sono consapevole di chi ho davanti, qual è la sua voce, il grado di sconvolgimento che la sua scrittura riesce a generare a ogni nuovo libro, ogni suo articolo. Lei tira fuori personaggi che rimangono a strillare il proprio ego. Ricordano che anche tu, sei stata quella materia lì, hai sofferto a quella maniera, con quello stesso grado di violenza e dolore, in alcuni momenti della tua esistenza.

Io ho scelto Teresa Ciabatti, al contrario di molti, in questi anni, proprio per mettermi in discussione davanti al grado dei miei problemi.

Tu dici, acquisti un libro per soffrire e incazzarti?

Si, certo, ma questo dipende dal grado di attribuzione che stabilisci di dare alla letteratura.

A me lei ricorda chi sono stata e come posso migliorare. E chi più di un’autrice che ti pianta davanti l’urlo di una generazione intera può riuscirci?

Ho sempre pensato che Teresa Ciabatti fosse in anticipo rispetto ai tempi. Nel senso che, quando non si parlava ancora di narcisismo manipolatorio, lei era già qui, in anticipo, a raccontare che questo materiale sarebbe stato l’elemento della resa dei conti sul nostro presente.

La narratrice del suo ultimo libro (Sembrava Bellezza, Mondadori, 2021), ad esempio, schiaffeggia il lettore, percuote tutte noi donne, dice apertamente che l’adolescenza per le ragazze degli anni ’80 è stata una mancanza di ascolto, una voce  soppressa rimasta incastrata in una botola. Racconta una verità enorme di un Paese intero che lotta con alcuni grandi temi sociali da sempre irrisolti e indagati dalle TV. Lavora sull’immaginario e sulla percezione.

È troppo, questo è il punto.



Chi sono?
https://amaliatemperini.com/about/

Iscriviti al blog nella casellina in basso a destra della homepage
www.amaliatemperini.com www.atbricolageblog.com

Seguimi su Twitter

http://www.twitter.com/atbricolageblog

Instagram:

https://www.instagram.com/atbricolageblog/


Per richieste: atbricolageblog@gmail.com

Nel rispetto del provvedimento emanato dal garante per la privacy in data 8 maggio 2014 e viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016 (qui) oppure leggere la Privacy Police di Automattic http://automattic.com/privacy/ 




Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...