Mattatoio n. 5 – Kurt Vonnegut [libro]

Provo a scrivere qualcosa su questo libro appena terminato, ma ho molta difficoltà poiché non è stata una lettura semplice e di facile assorbimento.

Ho iniziato a sfogliare le pagine di Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini di Kurt Vonnegut prima dell’estate, e più volte ho tentato di finirlo, ma qualcosa mi ha trattenuto dal farlo fino a ieri sera.

In realtà mi sento molto confusa nel raccogliere i pensieri per questa breve recensione poiché la ritengo non giusta, almeno non lucida quanto vorrei. Allo stesso tempo, penso che se non lo facessi ora, più tardi, le parole necessarie non verrebbero mai fuori.

La prima cosa da raccontare è il caos.

Chi conosce l’autore è conscio che la chiave interpretativa dei suoi testi è nel ritmo scandito da ogni singolo vocabolo inserito, usato, maturato. Anche qui, come in altre sue opere, senza troppi abbellimenti, ciò che regge l’intensità è la capacità di assorbimento che Vonnegut riesce a costruire con una trama che ruota attorno al concetto di tempo, un’unità, in questo caso, non definita in dettaglio, ma che procede seguendo linee storiche marcate. Andare avanti indietro con una regolarità e una cadenza altalenante stabilisce un coinvolgimento particolare di accettazione/non accettazione non riuscendo a inquadrare le intenzioni dello scrittore, che insiste, piuttosto, in un gioco allo sfinimento rivolto al lettore.

E’ una chiacchiera costruita sull’ovvio, un po’ come la banalità che genera il male. “Così è la vita”: uno sconto che sembra nascondere un crollo psicologico di enormi dimensioni, di un singolo o di una intera generazione.

Molto spesso si trovano aspetti inquietanti descritti come cose comuni. Mi riferisco, ad esempio, alla descrizione del funzionamento della Vergine di Norimberga o ai mille elementi incastonati per creare un allure cupa, ma con un tono dignitoso e rispettoso su quei fatti che si stanno narrando in maniera grottesca ed esilarate in un romanzo di circa duecento pagine.

Mattatoio n.5 racconta le vicende della seconda guerra mondiale. Si concentra soprattutto nella rappresentazione fantasiosa di ciò che è stato il bombardamento della città di Dresda il 13 febbraio 1945. E’ una promessa. E’ una condizione narrata in modo semiserio da un uomo trapiantato in un altro continente a fare una guerra contro quel nazismo di cui tanto già sappiamo. E’ una esperienza personale diretta di chi quelle vicende la ha vissute a pieni polmoni e sulla propria pelle.

Non mi spingo oltre poiché penso che per alcuni libri sia necessaria solo l’importanza e il rispetto del silenzio (al massimo la musica).

Kurt Vonnegut, Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini, Feltrinelli, 2003
(la prima edizione è del 1968).

2 pensieri su “Mattatoio n. 5 – Kurt Vonnegut [libro]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...