olanda (Da web)

Olanda, dopo un anno #pensiero #riflessione [#arte]

arte, artisti, mostre, turismo, viaggi

Lo scorso anno, quando feci quel piccolo viaggio in Olanda, decidemmo di inserire al volo L’Aia, andare a trovare a casa La ragazza dall’orecchio di perla di Veermer al Mauritshuis Museum, dopo aver fatto il pieno di arte contemporanea a Rotterdam.
La fortuna di quel periodo è stata la seguente: trovare le opere della Frick Collection di New York a disposizione nelle aree del museo incluse nel prezzo del biglietto. Rimasi colpita da questa opera di Jean-Auguste-Dominique Ingres, Comtesse d’Haussonville (1845). Non ne sapevo nulla, non so nulla di questo lavoro. Passai molto velocemente da lì, in verità, perché entrare in città, da una stazione minore, fu da spavento; vedere quel lato olandese dopo un’immensa perfezione fu capire cio’ che una ragazza di Utrecht mi aveva sempre detto, di quanto i problemi sociali fossero vivi, di quanto astio ci fossero tra le diverse comunità emigrate in quelle aree; volevamo andare via prima che facesse buio.
Rimasi colpita da pochissime cose del dipinto di Ingres: la supponenza fastidiosa di una donna che aspetta e ti guarda scrutandoti; la firma in basso a destra; il riflesso delle spalle che smonta totalmente la presunta superbia, non so come definirla, della giovane donna. Il rosso, vanità, splendente del fiocco poggiato sui capelli, frontale, la corrispondenza dei papaveri in basso, anche loro riflessi dallo specchio. In questo lavoro ho visto in un colpo solo la vecchiaia. Ho capito che Vermeer era il meno potente tra i due, nel dire, in questo confronto lontano, collocato in uno stesso luogo; di lui ho apprezzato le nuvole fedeli alla sua terra; avevo trovato le stesse a Delft, come la luce, dove ero di base ospitata.
Questioni di collezionismo, pubblicità e autenticità, cambiamento di percezione che dal vivo assume tutto un altro sapore.
Fortune.

 

 

Annunci

Buon natale

cani, vita

Il cielo stanotte è bellissimo. La Luna è piena, ricca di luce abbacinante, sprazzi di nuvole leggere attorno che cercano di offuscarla.
Il 2015 è stato un anno strano, molte cose sospese si sono acclarate, altre emerse da un buono interminabile.
Lo scorso anno ero presa da un’ansia terribile, stavo rinunciando alla cosa più bella della mia vita. Oggi, guardo lontano quei giorni. Mi sembrano così distanti, ferite quasi del tutto sanate. Mi chiedo se lui sia riuscito ad affrontare i suoi fantasmi, a rimarginare le sue paure e le sue ansie. Poi guardo lontano, passo, accarezzo il cane e sorrido, penso al perdono rivolto a me stessa per aver concesso troppo tempo prezioso a chi lo meritava fino a un certo punto.
Come da tradizione ho rinnovato dei riti che i miei nonni mi hanno tramandato. Frasi che possono pronunciarsi solo in questa notte per scacciare le invidie altrui. Ho nutrito bene gli animali che ho in casa, e a mezzanotte li ho messi alla finestra, sul balcone. Da sempre, sono cresciuta con questo momento. A mezzanotte della notte di Natale tutti gli animali parlano tra loro e si raccontano come vengono trattati dai loro proprietari. È una storia che mi è sempre piaciuta. Non so se sia vera o falsa. Li lascio fuori in attesa per un po’ di minuti. Noi umani non possiamo rimanere ad ascoltarli: è assolutamente vietato. Mio nonno aveva una grande allevamento quando ero piccola. Da bambina, quando andavo a casa sua e scendeva ad accudire e sciogliere le mucche lasciandole libere in stalla, risaliva sempre in silenzio, diceva di portare rispetto alla natura e a tutti i suoi esseri viventi perché anche loro hanno diritto di parlare, e se noi sbagliavamo, andava detto e condiviso in tutto il creato.
Chi ha avuto la fortuna di crescere in campagna come me, sa che queste cose sono pura magia. Raccontare ai bambini di fiabe e di mostri è una delle cose più avvincenti che ci possano essere in questi momenti in cui la famiglia dovrebbe ritrovarsi. Molte cose sono cambiate da quando avevo una piccola età, se dovessi avere un figlio voglio tramandargli tutti questi racconti che sono cresciuti con me e mi fanno ancora preparare e sognare. Beati coloro che hanno ancora qualcosa da custodire come una lucciola tra le mani nella primavera di maggio. Che sia per tutti una festa felice, povera, ma ricca di sentimento armonico vero, come quei cori in canto che creano valore assurdo in elevazione. Che le piccole cose possano permettervi di arrivare ovunque con forza.

Buone feste a tutti, anche e soprattutto ai più brutti.

Un anno fa

cultura

12 ore.
Tu cammini, io assieme a te in lontananza, non ti abbandono.

Le piume di stelle
sopra il monte più alto del mondo
a guardare i tuoi sogni
arrivare leggeri

 

Habemus papam, questione d’inchini.

arte, attualità, cinema, cultura, film, vita
Dal minuto 5 in poi