Have you got a dime? #none #today

amore, Donne, musica, Narcisismo, salute e psicologia, spiritualità, vita

Sono viva e felice, ancora in pausa scrittura, all’alba di un nuovo anno.
Il silenzio al momento rimane un tempo giusto: il mio.
Il passato, dal 2014 a oggi, non ha più valore e non esiste più. E’ chiacchiericcio di poco conto.
Sono salva, il resto è rimasto nella fossa di chi non sa più guardare oltre, rimasto cieco, abbagliato dal suo povero ego narciso.

Ultimo giorno di ottobre 2017, c’è il sole.
Soundtrack del momento.

Annunci

Ricominciare da zero

amore, concerti, musica, vita

Tanti anni fa, quando ho compiuto 14 anni, qualcuno mi ha regalato dei biglietti per un concerto degli Articolo 31. Eravamo in 5: 2 di Pescara, 2 fratelli mezzi teramano-russi-pescaresi, e io, dalla provincia, da Teramo. Per la prima volta immersa in una folla di gente sconosciuta al Pala Elettra, in una sorta di atto di iniziazione cantando “Maria Giovanna e una capanna” da sola, in coro, in tutta autonomia, con la forza di una bambina che sogna di spaccare il mondo, con il mondo davanti ancora da scoprire. Oggi, se ci ripenso, collasso a terra tanta la demenza genuina di quei momenti. Musica stupida, armonie che hanno cambiato cento volte identità, secondo le letture, la gente frequentata, gli amori, gli studi, i professori, il lavoro; i periodi grunge, pop, rock, pop-rock, lirici, sacri, satanici, acid, blues, hip-hop, folk, metal, punk; gli sforzi, i dolori, i pianti, i calci, le forze, i riscatti; le risate più sceme e intense, i cori mimati nei momenti inopportuni, i viaggi, le colonne sonore dei ritorni con persone che oggi sono inclusi in una cella inquadrata come “lista amici più stretti” di facebook.
Oggi guidavo in silenzio in macchina. Dalla radio è partito un brano con una voce familiare. Più ascoltavo, più mi rendevo conto che si trattava di qualcosa che avevo conosciuto tanto tempo fa. Più ascoltavo, più rabbrividivo, per il testo sincero e schietto, senza fronzoli e pretese, semplice. Ho rivisto un film lungo venti anni. Non ascolto più questi generi, non più J- Ax, anzi, lo trovo piuttosto antipatico, ma questa canzone mi ha disintegrato. Il video ancora di più, associando le parole a quella storia.
Sarà l’effetto di un residuo di una adolescenza targata anni ’90?

Ricominciare da meno di zero
E finalmente sollevare il velo
E raccontarvi veramente
Non l’immagine vincente che la gente prova a vendere
di sé

Non voglio vivere su un grattacielo
Solo sputare indietro un po’ il veleno
E raccontarmi veramente lo spettacolo riprende,
Benvenuti a tutti quelli come me

Cam caminì

vita

La sorte è con te se la mano ti dà

 

Einstein

amore, attualità, comunicazione, cultura, filosofia, Studiare, tecnologia, Università

Ha dimostrato che una piccola quantità di massa puo’ essere convertita in una grandissima quantità di energia“.

Filosofia.Rai.it

dichiara:

E’ più facile cambiare la natura del plutonio, che cambiare la natura della malvagità umana. Mi sento talmente parte di tutto cio’ che vive, che non mi importano per niente l’inizio e la fine dell’esistenza concreta di una singola persona, in questo flusso eterno“.

“Cari posteri, se non siete diventati più giusti, più pacifici, più razionali di quanto siamo (o eravamo) noi, allora andate al diavolo!

Con questo mio pio augurio, sono (fui) vostro,

Albert Einstein”.

#ovazione

Mondo crudele [dolce a casaccio]

cucina, vita

In preda a una crisi post studio cosa si fa? Si prendono 3 cucchiai di farina, 4 cucchiai di zucchero, 1 bustina di vanillina, 500 gr di latte, 1 buccia di limone da grattugiare e si inizia a pensare a qualcosa per svoltare la serata.

Il primo step è la preparazione: l’unione dei primi elementi elencati (farina, zucchero, vanillina); del secondo – il latte, da versare a filo in modo tale da far amalgamare tutto senza grumi; e, infine, del terzo – la buccia di limone grattugiata e unita al composto.

Si accende il fornello più piccolo; si mescola lentamente con un cucchiaio di legno fino a farlo diventare una crema densa, e si spegne tutto in attesa del il raffreddamento.

Ho tirato fuori bicchieri da grappino; ho tritato dentro dei biscotti sconsiderati alternandoli a strati suddivisi di crema; ho versato su un po’ di zucchero di canna assieme a un goccettino di Borghetti; poi mangiato e piaciuto.

Ecco il dessert!
Speriamo sia buono anche per voi!


Modalità a caso!

ricette, vita

Che fare quando non si ha tempo per dedicarsi alla cucina?
Si compra una brisé, si valuta l’opzione del riciclo creativo nato dallo spulciare dispensa e frigo,
si mettono a caso gli ingredienti e poi si mangia!

Buona cena a me!
Tornerò presto, intanto #istagnam anche a voi!

 

Amerene NonFabbriCate.

ricette, vita

Mi piaceva troppo la mia foto per non parlavi di questo dessert delicato, usato per molte decorazioni di dolci, risparmiando molti denari, non acquistando prodotti di marca noti e famosi.

Le amerene NonFabbriCate.

Ingredienti:

3 – 4 kg di amarene (possibilmente regalate dai vostri vicini)
2 kg di zucchero

Strumenti:
Vasetti in vetro +  tappi

Procedimento:

Prendente i vasetti e iniziate a versare le amarene. Solitamente io li riempio a metà, poi mi regolo di conseguenza con lo zucchero. Con il quantitavo che vi ho segnalato dovrebbero venire fuori circa 10 – 12 contenitori a media e piccola grandezza.
Una volta fatto questo, lasciare al sole per circa 40 giorni, girando di tanto in tanto.

Finito il tempo, cambiate i tappi mettendone i nuovi, e riponete tutto nella vostra dispensa.

Buon dessert!

ciao 2012

artisti, musica

Inno alle giornate altalenanti di un 2012 passato ridendo e piangendo, scherzando e bestemmiando, correndo e stando fermi, innamorandosi e accarezzandosi, tirandosi i capelli e litigando, colorando e creando, cucinando e festeggiando, sempre con gli amici migliori e le persone più importanti.